Gabbiano

Identikit del gabbiano

Perché il gabbiano? Perché è animale libero, senza schemi; perché sa correre incontro ad un’avventura nella scia di una nave, di un’idea. Abbiamo scelto il gabbiano per simbolo perché come lui ce la caviamo anche controvento, perché non abbiamo padroni, perché da sempre viaggiamo, anche soli, con la speranza nel cuore.

Dalla A alla Z c’è tutta la Virtus con le sue pene ed i suoi trionfi, le mille vittorie e le tante sconfitte, i suoi errori e le sue intuizioni più geniali. Dalla A alla Z per finire e poi ricominciare ogni anno più arricchiti …

A    come Atletica leggera,  come Amicizia,  come Aggregazione,  come Amore,  come Accoglienza,

       come Assessori allo Sport … di tutti gli sport?

B    come Blu, come Bambini, come Battaglie vinte e perse, ma sempre sul campo.

C    come Cross, come Ciallella Francesco (campione italiano),  come Campeggio, come Campobas-

       so, come C.S.I., come Controcorrente, come Coni … 5 primi premi Coni: nessuno in Italia ne ha    

       vinti di più.

D    come De Nigris Marco (campione del mondo  a squadra),  come  Democrazia,  come  Dirigenti,

       come  Di Nunzio  Luigi, sventurato amico,  come De Soccio Adelina (pluricampionessa italiana  

       ed europea),  come Discobolo d’Oro: massimo riconoscimento del Centro Sportivo Italiano.

E     come Entusiasmo, come Errori, come Esorcismo …, ma quanti miti e dei ancora da sfatare!

F     come Farinaccio Mario, campione prematuramente scomparso, come Famiglie, come Fidal.

G    come Gabbiano, come Giallo, come Gare, come Giovani, come Gruppo, come Gemellaggio (dal

       1974 con l’Atletica Bovolone)

H     come Handicappati, senza pietismi …

I      come Impegno, come Impianti(!?), come Intolleranza verso ingiustizie e abusi.

L     come Leone Leo, l’uomo che inventò … il gabbiano.

M    come Molise,  come  Millenovecentocinquantanove,  come  Maglie Azzurre, (Mauro Nugnes,

       Teodoro Simone,Marco De Nigris,  Adelina De Soccio, Laura Palladino, Dino Mucci, Odile Ngo Ag,

        Liliana Iafigliola), come  Montagna, come  Marcia, come Maratona, come Medaglie,come Memoria.

N     come Nicola, l’anima della Virtus,  come Nugnes Mauro (primo campione italiano), come Ngo

        Ag Odile  (pluricampionessa Italiana e undicesima al Mondo).

O     come Orfani di Guerra e come Olimpiadi: sono gli estremi del nostro segmento sportivo, come 

        Organizzazione.  

P     come Poveri, come Palestre (?), come Pane e frittata, come Pista.

Q     come Quattrini  e  Qualunquismo:  dei primi  è impossibile  farne a meno;  del secondo  ci

        tocca  spesso subire l’arroganza.

R     come Record, come Renga, come Ribelli.

S     come Su e Giù,   come Squadra,  come Sfida,   come Simone Teodoro (pluricampione  italiano),  

       come Sede sociale,   come Sconfitte,   come Stella d’Argento al Merito Sportivo.

T     come Tecnici, come Trasferte, come Trofei, come Traguardi.

U    come Utopia.

V    come  Valerio,  tragicamente  scomparso,  come  Veleno …  che  ingoiamo  quando  il  solito

       mezzano  irretisce  e  cattura  i  nostri ragazzi,   come   padre Valenti,   guida spirituale  della  

       società,   come Vittorie,    come  Volontariato,  … come Virtus.

Z    come Zorzan, come Zompi … tanti, pur di sopravvivere.