LA VIRTUS IN PRIMA CLASSE SUL DIRETTISSIMO ROMA-SULMONA-OORDEGEM

di Roberto Palladino

E’ imbarazzante dare la priorità a una notizia anziché ad un’altra quando ne arrivano contemporaneamente molte e da più parti: Roma, Sulmona e, addirittura, Oordegem (Belgio).

Sabato e domenica, nonostante un tempo “da allerta gialla” e uno o più balordi che nella notte hanno cercato di appiedare la compagine virtusina bucando le ruote del pulmino di società, Letizia, Francesco, Davide, Leo, Mario e Giulia si sono comunque esibiti sulle piste e le pedane delle città su menzionate.

La prima telefonata è arrivata sabato da Roma. Era Letizia che, con voce carica di emozione e ancora in affanno, comunicava di aver corso i 1500 in 4’39”82. Il risultato, assolutamente straordinario, la colloca tra le prime 15 migliori atlete Assolute italiane e le consente di partecipare alla finale B dei campionati nazionali.  Soddisfacente anche la performance di Mario sulla stessa distanza.  

Da Sulmona, intanto, in occasione della fase regionale dei campionati di società, Francesco vinceva la gara dei 5 chilometri di marcia col bel risultato di 26’21”69, assai prossimo al minimo dei campionati tricolori Allievi.

Domenica, di nuovo a Roma, è stato Davide a salire in cattedra. Sotto una pioggia capricciosa e fastidiosa, l’atleta virtusino occupava il gradino più alto del podio. La misura di oltre 7 metri, pur non costituendo il suo personale, lascia ben sperare per un proseguo di stagione ad altissimo livello. Niente male Giulia che, pur con le avverse condizioni atmosferiche, si migliorava notevolmente rispetto all’ultima prestazione di due settimane prima.

Mancava, però, la ciliegina. E a metterla è stato Leo che, nel meeting internazionale di Oordegem, in Belgio, correva la distanza dei 1500 metri in 3’51”68. Il risultato costituisce il suo nuovo primato personale e lo colloca tra i primissimi nella graduatoria nazionale.

Il sessantennale della Virtus non poteva essere onorato meglio. Già il cross aveva dato delle indicazioni che andavano in questa direzione ed i risultati or ora ottenuti confermano tale tendenza. Adesso tocca alle categorie giovanili farsi valere e ci sono tutti i presupposti perché ciò avvenga. Bisogna avere fiducia e confidare nella bontà di un settore tecnico virtusino estremamente qualificato ed assolutamente in grado di gestire al meglio le risorse di ogni singolo ragazzo.