UNA SECONDA ONDATA DI TUFFI!

di Claudia Gianfagna

Circa due mesi fa, a giugno, siamo stati invitati dal presidente della società, Nicola Baranello, a trascorrere un pomeriggio presso la sua piscina. Passammo una giornata indimenticabile: nell’aria si respirava pura allegria e tanta gioia nell’accogliere l’inizio dell’estate in un panorama entusiasmante come quello della piscina. In ogni momento, sui volti di tutti, erano ritratti sinceri e spontanei sorrisi: ciascuno di noi non aspettava altro che poter vivere una volta ancora una giornata così.

E i nostri desideri sono finalmente divenuti realtà. Il gentile presidente virtusino li ha esauditi invitandoci ancora una volta. E così, carichi di entusiasmo, ci siamo incontrati, in quest’agosto ormai agli sgoccioli, nella cornice paradisiaca della piscina consapevoli, questa volta, di tutte le belle emozioni che avremo provato.

Godendo del calore di un sole gaudente che ha illuminato l’intera giornata, abbiamo eseguito mille tuffi e cento immersioni. Abbiamo giocato a carte e riso per i continui scherzi cui proprio non riuscivamo a porre termine.

Con l’avvicinarsi della sera ci hanno raggiunto altri dirigenti e amici virtusini. Riuniti in una lunghissima tavolata, abbiamo gustato una ricca cena a cui hanno dato il loro gradito contributo gli atleti Pasquale e Giuseppe che, sotto la supervisione dell’allenatore Carlo, hanno preparato una deliziosa carbonara, meritandosi l’applauso da tutti.

Conclusa la cena, nessuno voleva lasciare il proprio posto a tavola: si desiderava rimanere il più possibile e sfruttare appieno l’incantevole giornata.

Purtroppo però, anche le cose più belle hanno una fine, ma non per questo bisogna rassegnarsi passivamente al suo arrivo. Al contrario, bisogna attenderla gioendo e godendo ogni momento di cui si dispone. I membri della famiglia gialloblù lo sanno bene ed è per questo che abbiamo atteso le ore più scure per salutarci intonando, accompagnati dall’immancabile chitarra di Roberto, i canti tipici della tradizione molisana, Abbiamo posto così il classico sigillo gialloblù a questa ennesima splendida giornata per la quale saremo grati in primis al nostro premuroso presidente e a tutti coloro che hanno partecipato rendendola indimenticabile.